Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Google Glass

Share

Gli occhiali super intelligenti.


I Google Glass sono un progetto a dir poco futuristico iniziato nel 2011, che pochi mesi fà è passato in fase di testing, e forse riusciremo a trovare gli occhiali nei negozi di elettronica nel 2014.

Ma cosa sono?

Esteticamente (come da foto sopra) si presentano come un paio di occhiali con una sola lente in cui sarà possibile visualizzare il display di controllo semplicemente guardando verso l'alto. Hanno integrati, telecamera, microfono, Wi-Fi e Bluetooth.

Come funzionano

Grazie al riconoscimento vocale integrato, saremo in grado di interagire con il pannello di controllo ed accedere alle numerose funzioni quali videochiamate, messaggi, social network, ricerche online.

Ma il potenziale è enorme. In questi mesi stanno sviluppando delle app (Google afferma che saranno gratuite..) che vanno dai giochi agli appuntamenti, dalla gestione delle cose da fare alle attività fisiche svolte.Pensate alle quantità di app disponibili su Play Store, ed immaginativi un integrazione con questo dispositivo.

Grazie alla camera integrata ed al dispositivo wi-fi, saranno in grado di interagire con i dispositivi elettronici di casa, aprire porte elttroniche.

Le ultime notizie parlano della possibilità del riconoscimento volti, cosa che sta creando un pò di problemi, per ovvi motivi di privacy, ma Google afferma che questi problemi verranno gestiti e risolti prima della data ufficiale di uscita.

Gli ambiti in cui possono essere utilizzati sono trasversali. Dal semplice tempo libero all'ambito medico.

Restiamo in attesa delle novità di casa Google, per il momento non ci resta che goderci alcuni video che girano sul web, che rendono bene il concetto, come questo: